Activision Blizzard news: in arrivo novità anche finanziarie



Come molte grandi le aziende del mondo digitale anche il colosso dei videogiochi Activision Blizzard inizia a pensare a nuovi modelli di business da affiancare alle attività principali della casa. L’ha illustrato Thomas Tippl, il Chef Financial Officer di Activision Blizzard, nel corso del recente incontro con gli analisti di mercato, rivelando che la sua azienda, nei prossimi tre anni, si aspetta entrate per un miliardo e duecento cinquanta milioni di dollari dai nuovi mercati.
Due i principali progetti che dovrebbero portare questo flusso di denaro nelle casse dell’azienda e in particolare il nuovo multiplayer di massa affidato a Bungie, del quale non si sa praticamente nulla, e Project Titan, il prossimo MMORPG di Blizzard. Un esempio dei nuovi modelli di business previsti da Tippl sono le case d’aste di Diablo III, che sono state annunciate al pubblico nelle scorse settimane, case nelle quali i giocatori hanno la possibilità di cedere ad altri giocatori gli oggetti rari conquistati nel corso del gioco, guadagnando soldi reali. Un vantaggio per gli utenti che potranno poi acquistare oggetti su battle.net o che potranno convertirli in valuta. E anche un introito supplementare per Activision Blizzard che tratterà una percentuale sulle vendite. Tippl ha anche confermato che Activision Blizzard sta “metodicamente investendo in progetti per il gaming sociale e mobile pur non tralasciando altri tipi di business come quello legato a Call of Duty Elite, che aprirà, ai soli abbonati, l’accesso contenuti esclusivi”. Con la sola operazione, messa a segno nella prima parte dell’anno, di mettere a disposizione degli abbonati i primi venti livelli di “esperience” di World of Warcraft l’azienda ha registrato un aumento del 60% nelle registrazioni di nuovi utenti.